logo Integrazione Scolastica    
Notiziario telematico gratuito del sito integrazionescolastica.it

    informazioni, archivi

MIUR: Nota 27/07/05 Attività di programmazione dell’integrazione scolastica degli alunni disabili da parte delle Istituzioni scolastiche - Anno scolastico 2005-2006

Il MIUR attraverso la nota n. 4798 del 27/07/05 ha voluto richiamare l'attenzione dei dirigenti scolastici delle scuole statali e paritarie sulle modalità di programmazione degli interventi in favore della qualità dell'integrazione scolastica degli alunni disabili. In particolare si ribadisce che "il processo di integrazione scolastica degli alunni con disabilità si fonda sulla assunzione da parte di tutti i docenti della classe del progetto di integrazione. In tale prospettiva ed in una logica di qualità del sistema di istruzione, il successo dell’integrazione rappresenta un aspetto caratterizzante dell’ordinaria programmazione didattica, oggetto di verifica e valutazione". La nota pone anche l'accento sulla necessità di una doverosa collaborazione tra scuola e famiglia.


[file download]
nome  
MIUR_nota_27_07_2005.pdf
formato  
PDF
dimensione  
626Kb
MIUR Nota n° 4798 27/07/05 "Programmazione integrazione scolastica"[inizia lo scaricamento del file]


Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca
Dipartimento dell’Istruzione
Direzione Generale per lo Studente - Ufficio IV

Nota 27 luglio 2005

Prot. n° 4798/ A4a

Oggetto: Attività di programmazione dell’integrazione scolastica degli alunni disabili da parte delle Istituzioni scolastiche - Anno scolastico 2005-2006


Il processo di integrazione scolastica degli alunni con disabilità si fonda sulla assunzione da parte di tutti i docenti della classe del progetto di integrazione.
In tale prospettiva ed in una logica di qualità del sistema di istruzione, il successo dell’integrazione rappresenta un aspetto caratterizzante dell’ordinaria programmazione didattica, oggetto di verifica e valutazione.
Sulla base di quanto precede, si pregano le SS. LL. di richiamare l’attenzione dei dirigenti scolastici delle scuole statali e paritarie, affinché promuovano, nell’ambito della programmazione di inizio anno scolastico, una serie di incontri per tutti i docenti, curricolari e di sostegno, allo scopo di migliorare la qualità dell’integrazione nelle singole classi e nella comunità scolastica.
Partendo da un’analisi collegiale della diagnosi funzionale, al fine di rendere il progetto educativo individualizzato (PEI) funzionale alle effettive esigenze dell’alunno, tale attività ha lo scopo di coinvolgere nella stesura e nella realizzazione del PEI tutto il gruppo dei docenti della classe frequentata dall’alunno disabile.
È appena il caso di ricordare che, per gli alunni nuovi iscritti, vanno programmati incontri con la scuola di provenienza, perché possa realizzarsi una effettiva azione di continuità didattica.
Oltre ai contatti con la scuola di provenienza, in appositi incontri, saranno sentiti, specie per gli alunni che per la prima volta iniziano la frequenza scolastica, i genitori, che potranno fornire utili informazioni sul progetto educativo, riabilitativo e di socializzazione, attuato in ambito extrascolastico, in modo da consentire che le attività scolastiche ed extrascolastiche siano opportunamente coordinate.
È noto che alle riunioni di cui trattasi (Gruppo di Lavoro sul singolo caso) devono partecipare anche i rappresentanti degli EE.LL. e delle A.S.L., che forniscono informazioni e suggerimenti per la parte di rispettiva competenza, ma – anche nel caso la partecipazione del predetto personale fosse carente – ciò non esime la scuola dal dovere di adoprarsi, in particolare per realizzare una fattiva collaborazione con la famiglia, per la predisposizione di un progetto educativo e didattico, rispondente agli effettivi bisogni dell’alunno, che preveda anche l’articolazione dell’orario delle attività scolastiche, in relazione al progetto d’integrazione.
Si ritiene utile sottolineare la doverosa collaborazione tra scuola e famiglia, perché da alcuni esposti in possesso di questa Direzione si evince, prima di ogni altra carenza eventualmente imputabile all’istituzione, la mancanza di positivi rapporti di collaborazione tra scuola e famiglia.
Si ricorda inoltre l’obbligo della documentazione dell’attività di programmazione e di verifica dell’attività svolta e la costante registrazione dell’attività didattica, che costituisce strumento per la verifica collegiale (da compiere, nei consigli di classe e interclasse e di cui riferire nel Collegio dei docenti, secondo le competenze di ciascun organismo), utilizzando schede di verifica o altri strumenti strutturati, di cui la scuola avrà stabilito di dotarsi. La predetta documentazione, consultabile anche da parte dei genitori che ne facciano richiesta, sarà comunque illustrata nel corso delle riunioni periodiche programmate.
Le iniziative, che le singole scuole vorranno adottare, saranno certamente una risposta alle richieste di qualità, rappresentate dalle famiglie e dalle Associazioni dei disabili.
Si coglie l’occasione per richiamare l’attenzione sui disturbi specifici d’apprendimento, in relazione ai quali possono essere utilizzati strumenti compensativi e dispensativi, come da nota di questa Direzione n. 4099/A/4a, del 05.10.2004.
È noto, tuttavia, che la scuola non può da sola far fronte a tutte le esigenze degli alunni con disabilità e che per predisporre gli strumenti necessari all’integrazione scolastica è indispensabile la collaborazione degli EE. LL. A tal fine può risultare utile l’attività svolta da codesti Uffici Scolastici Regionali, che, mediante accordi di programma o intese, possono coordinare l’erogazione di servizi, quali mense, trasporti, assistenza scolastica ed extrascolastica.
Si ringraziano le SS. LL. per la consueta collaborazione.

IL DIRETTORE GENERALE
F.to M. Moioli

Fonte:

Edscuola: Nota 27 luglio 2005,n° 4798 "Attività di programmazione dell’integrazione scolastica degli alunni disabili da parte delle Istituzioni scolastiche - Anno scolastico 2005-2006"

CSA Vicenza: download testo trasmesso dall'USR del Veneto ai CSA

Per chi vuole approfondire online:

Superando.it: "Chi lo sapeva che in piena estate si lavora per l'integrazione?" a cura di Salvatore Nocera

FADIS: MIUR Direttiva n. 51 del 18 maggio 2005 Formazione e aggiornamento dei Dirigenti scolastici a.s. 2005/2006

FADIS: Normativa - Disturbi dell'apprendimento